Morocco Sand Express

Foto e testo di Paolo Baraldi

 

In Marocco dal 30 ottobre al 4 novembre si è svolta la Morocco Sand Express; gara d'altri tempi dove a vincere è stata la passione e l'amore per il deserto che l'organizzatore Benoit Delmas ha ben saputo trasmettere a tutti i teams in gara.

La Morocco Sand Express, organizzata da Benoit Delmas già deus ex machina della M’Hamid Express, contrariamente al suo nome, non ha offerto unicamente sabbia e dune ma ha  portato i suoi partecipanti alla scoperta del Marocco; il vero Marocco con percorsi inediti e meravigliosi. Tutto questo è avvenuto dal  30 ottobre al 4 novembre con base a Merzouga dove dopo un breve prologo sulle dune dell’Erg Chebbi, i 22 concorrenti, tappa dopo tappa, hanno potuto prendere confidenza con i vari terreni che questo meraviglioso paese può offrire. Con più di 1000 km percorsi, e con due tappe marathon con andata e ritorno da Tazarine, la Morocco Sand Express è sicuramente riuscita a far vivere a tutti un’esperienza unica ed indimenticabile oltre al fatto di aver attraversato luoghi magici come il villaggio abbandonato, ex miniera d’argento, di Mfis.

Benoit, ha saputo mantenere nelle sue gare quell’atmosfera d’altri tempi dove conta di più la passione e l’amore per il deserto che la competizione ad alti livelli e la Morocco Sand Express in questo non ha certo deluso. Tra gli iscritti, numerosi teams con il “mal d’africa” ed alla guida di “pezzi” unici come la Range Rover by Micouleau  che ha partecipato a numerose Dakar, ma anche molti alle prime armi che hanno potuto, grazie alla disponibilità di tutti, apprendere le giuste malizie di guida e di navigazione.

Renaud Jérome e Pemeant Gabriel, vincitori della Morocco Sand Express 2016
Renaud Jérome e Pemeant Gabriel, vincitori della Morocco Sand Express 2016

Passando dalla parte agonistica, la scalata ai primi posti della classifica è stata molto serrata e la “lotta” più dura è stata sicuramente nella categoria 4x4 vinta da Renaud Jérome e Pemeant Gabriel che si sono aggiudicati anche la classifica generale. Tra i buggy a due ruote motrici, che hanno regalato uno spettacolo unico soprattutto sulle dune, la vittoria è andata a Housset Guy e Saint Martin Jean-Pierre. Tra le moto ha vinto Teinturier Stéphane su KTM EXC 450 mentre tra i quad, gara tutta al femminile, ha guadagnato l’alloro D'Hatis Irene. Infine nella classe side by side hanno primeggiato Viaud Jean-Jacques e Begue Annick.

Housset Guy e Saint Martin Jean-Pierre, vincitori Buggy
Housset Guy e Saint Martin Jean-Pierre, vincitori Buggy
D'Hatis Irene, vincitrice Quad
D'Hatis Irene, vincitrice Quad
Teinturier Stéphane, vincitore Moto
Teinturier Stéphane, vincitore Moto
Viaud Jean-Jacques e Begue Annick, primi SSV
Viaud Jean-Jacques e Begue Annick, primi SSV

La   Morocco Sand Express ha visto anche la presenza di una categoria speciale: i Raiders. Equipaggi non in gara ma che hanno potuto assaporare ogni momento ed ogni percorso di questa magnifica esperienza. Tra i Raiders Safari, segnaliamo le due bellissime Porsche Cayenne V8.


Le due Porche Cayenne


A gennaio, nel sud del Marocco, precisamente a M’Hamid, tutto questo si ripeterà, ma più in grande, per la M’Hamid Express.

 

M'Hamid Express 2017 - M'hamid Express 2016