Missione compiuta! Total Chaos alla Vegas to Reno

Nicole Pitell-Vaughan, the Queen of Chaos, ha guidato come unico pilota del team Total Chaos l’intera distanza di 530 miglia della Vegas to Reno; la più lunga gara offroad d’America. Con il suo navigatore Tim Schrader si sono classificati 5° nella categoria 7200. Ottimo risultato che evidenzia l’ottima performance dei prodotti dell’azienda californiana specializzata in kit di sospensioni ed accessori per i fuoristrada Toyota.

Foto e testo di Paolo Baraldi

Il 17 agosto, nel deserto del Nevada si è svolta la Vegas to Reno organizzata da Best in the Desert. Si tratta di una gara di fuoristrada molto dura ed impegnativa; la più lunga di questo genere negli Stati Uniti. Non è facile affrontare in un solo giorno ben 530 miglia (852,95 km) di gara ed infatti la maggior parte dei teams in gara si affida a 2 o 3 piloti per essere sicuri di essere sempre competitivi ed in lizza per la vittoria. 

Alcuni momenti della gara
Alcuni momenti della gara
Alcuni momenti della gara
Alcuni momenti della gara

Poi ci sono storie di gara molto diverse, dove la Vegas to Reno diventa una vera e propria sfida, un’avventura ed un’esperienza di vita che mette alla prova sia il fisico che lo spirito. 

Nicole Pitell-Vaughan (a sinistra) con il marito Matt Vaughan
Nicole Pitell-Vaughan (a sinistra) con il marito Matt Vaughan

Stiamo parlando del team Total Chaos supportato nelle pit dal gruppo LocosMotos. Come abbiamo imparato in questi ultimi anni, Total Chaos Fab. è un’azienda californiana, con sede a Corona, specializzata nella costruzione di sospensioni e parti per i fuoristrada Toyota. Nicole Pitell-Vaughan è co-titolare dell’azienda insieme al marito Matt Vaughan. “Io mi definisco il "Chaos", dice Nicole “e chiamo Matt “Total". Siamo una grande squadra e ci completiamo a vicenda. Matt è un costruttore di talento e mi infonde un grande equilibrio”. Uno dei motivi principali per cui Total Chaos partecipa a questo genere di gare, è quello di testare i prodotti che poi vende o installa ai propri clienti. “Ogni nuovo componente di Total Chaos”, ci spiega Nicole Pitell-Vaughan, “deve superare un test di 500 miglia in fuoristrada prima di essere messo in vendita. Queste sessioni di prove ci danno un importante feed back sul prodotto e la fiducia necessaria nel sapere che ogni miglio percorso con un nostro equipaggiamento sarà piacevole e performante. Quale situazione più dura quindi se non la Vegas to Reno per i nostri test?”

Nicole, Tim e Lil'T in azione alla Vegas to Reno
Nicole, Tim e Lil'T in azione alla Vegas to Reno

Ma questa è solo una parte della nostra storia. Nicole Pitell-Vaughan stessa guida in gara il Toyota Tacoma Lil’T con al suo fianco il co-pilota ed amico Tim Schrader, originario di Truckee in California.  Per loro la sfida più grande non è solo stata quella di portare in gara un veicolo derivato dalla serie, più pesante e con meno cavalli rispetto ai diretti concorrenti della classe 7200, ma è stata quella di aver deciso di percorrere l’intera distanza della gara, 530 miglia, con un equipaggio composto da un solo pilota e da un solo navigatore. Nicole, non è stata solo una delle poche donne pilota, 25 tra tutte le categorie e classi, in gara ma è stata l’unica tra le auto a guidare l’intera Vegas to Reno portandola a termine e migliorando di ben 2 ore il suo tempo dell’anno scorso. Il team Total Chaos, seppur con qualche problema tecnico prontamente risolto dai ragazzi delle pit, ha concluso la Vegas to Reno con un ottimo quinto posto e con il Toyota Tacoma, seppur provato, sopravvissuto a questa durissima esperienza. Indice di quanto Lil’T sia stato ben costruito e preparato dalla Total Chaos Fab.


Una delle armi vincenti di questa avventura della Total Chaos alla Vegas to Reno, è stata sicuramente il team nel suo complesso. Un gruppo di persone molto professionali ed efficienti che, oltre a tutto questo sono, come dice Nicole, una grande ed unita famiglia. Grazie a loro, Nicole e Tim hanno potuto portare a termine la gara con un’assistenza molto efficace che non solo ha pensato al veicolo ma, ad ogni pit, ha dato supporto morale e fisico all’equipaggio, infondendo loro la forza necessaria per arrivare alla fine.

Con 4 partecipazioni alla Vegas to Reno e con 4 gare finite, la Total Chas Fab. con la quinta posizione del 2018 e con un tempo migliorato di ben due ore rispetto al 2017, si impone non solo come un equipaggio competitivo ma anche come un ottimo preparatore di veicoli performanti ed affidabili anche nelle condizioni di uso più dure ed estreme.

Abbiamo fatto qualche domanda a Nicole Pitell-Vaughan ed a Tim Schrader per entrare meglio nel mood della gara. 

Nicole Pitell-Vaughan (pilota)
Nicole Pitell-Vaughan (pilota)

Ecco l’intervista con Nicole:

- Perché hai deciso di partecipare alla V2R?

È la corsa offroad più lunga d’America, in linea da un punto ad un altro e tutto in un solo giorno. Adoro il terreno del deserto del Nevada! È ideale per Total Chaos. È perfetto per testare i componenti che utilizziamo nei nostri kit di produzione e mettiamo altresì alla prova il nostro Tacoma con molte miglia di gara. Adoro la sfida di portare a termine questa gara. Dobbiamo dimostrare ai nostri clienti che corriamo con ciò che vendiamo.

 

- La maggior parte dei team ha 2 o 3 piloti per condividere la distanza, perché hai deciso di guidare da sola tutta la gara?

Mi è piaciuta la sfida di mettermi alla prova per 12 ore di fila. È una gara davvero divertente da fare anche se è una lunga giornata da passare nel truck da corsa! Qualche anno fa, Emily Miller mi ha chiesto di correre la gara con lei; 2 piloti donne potrebbero essere una squadra molto competitiva ed interessante. Lei ha partecipato a fine 2000 ed è stata una delle prime donne a finire la Vegas to Reno. Emily è stata la prima a dirmi che dovevo parteciparevi e motivarmi per farlo.

 

- A cosa pensi poco prima della partenza?

Penso alla gara, alla lunga giornata che mi aspetta, alle zone più pericolose di cui hanno parlato durante il briefing ed alla sicurezza. Tim deve fidarsi di me e delle mie capacità al 100%. Nell’abitacolo il nostro è come un matrimonio. Spesso ridiamo di questo! C'è stata molta pioggia in alcune parti del Nevada e ci sono state inondazioni improvvise. Molte rocce sono state esposte e molte buche profonde sono apparse; tutto molto pericoloso per il nostro veicolo. Cerco di visualizzare le parti del percorso di gara che conosco e provo di entrare in uno stato zen. Io, Tim e Lil’T siamo un tutt’uno mentre corriamo.

 

- A cosa pensi mentre sei in gara?

Abbiamo preso un enorme buco intorno al miglio 20 ed abbiamo avuto un impatto frontale molto duro. Pensavamo che la nostra giornata fosse finita lì e che il truck fosse distrutto. Entrambi siamo rimasti frastornati per circa 70 miglia. Abbiamo avuto problemi elettrici fin dall'inizio che ci hanno tormentato tutto il giorno. Una batteria scarica ha causato il malfunzionamento della centralina e del computer di bordo. Tutto questo ci è costato molto tempo per dover ogni volta resettare e far ripartire la centralina.  In realtà non ho mai saputo degli altri problemi che stavamo avendo oltre a quello di reimpostare costantemente il computer. Hanno spento il volume delle mie cuffie radio per le comunicazioni con i box in modo da lasciarmi completamente concentrata sulla guida. Sono rimasta super concentrata sulle migliori linee del percorso da prendere, a leggere il terreno e su come il veicolo  si stava comportando ascoltando le sensazione da dietro il volante. Non restare bloccati nei letti di limo dei fiumi in secca e nella sabbia era il mio pensiero principale. L’anno scorso abbiamo perso più di un'ora perché ci eravamo piantati. Ero determinata a non provare ancora quell’esperienza.

 

- Il momento più brutto durante la gara?

Prendere quel buco all'inizio. E’ stata la cosa che mi ha fatto più male.

 

- Il momento più bello della gara?

Vedere le luci del traguardo e l'intero team in piedi lì ad aspettarci per festeggiare per aver ancora una volta finito la Vegas to Reno. Abbiamo partecipato 4 volte a questa gara e tutte e quattro le volte l’abbiamo finita! È un risultato molto importante per tutto il team Total Chaos.

 

- Quanto è importante Tim per te durante la gara?

Abbiamo un legame molto stretto. Entrambi ci motiviamo a vicenda. Ci proteggiamo l'un l'altro. Ci fidiamo l'uno dell'altro. Crediamo in noi! Mi dice di "resettare" quando ne ho bisogno. È la nostra parola in codice per liberarci da qualsiasi problema. È strano, ma funziona davvero bene per noi due.

 

- Descrivi la Vegas to Reno in poche?

Lunga. Intensa. Fisicamente debilitante. Divertente. Chaos!

 

- Quale è il tuo resoconto della gara?

Appena prima della partenza io e Matt ci siamo detti:

Matt: "Sei ancora nervosa?"

Nicole: "Oh sì. Vorrei vomitare!"

Matt: "Beh, se non sei nervosa, non dovremmo farlo ..." 

4 su 4! Lil’T ha partecipato 4 volte alle più lunga corsa di fuoristrada in America e tutte e 4 le volte è arrivato alla fine della Vegas a Reno. È un Tacoma ben preparato! Ogni anno la classe 7200 diventa sempre più veloce. Ci siamo sbarazzati di ben 2 ore sul tempo totale del 2017 ma siamo stati comunque superati dai leader della classifica che dispongono di oltre 100 cavalli di potenza in più rispetto al nostro 4.0 Toyota. Cabina e porte in acciaio contro body in fibra di vetro e telaio di serie contro telai tubolari, fanno una bella differenza. Con questi handicap, il lavoro dell’equipaggio è molto più impegnativo ed anche l’assistenza è molto più occupata. Ma noi, pur sanguinando siamo stati sempre li a lottare con il nostro Toyota. Siamo sempre andati avanti e nonostante tutte le avversità contro di noi. Si può sempre contare sul team TC nel giorno della gara! Appena partiti, il truck ci ha preso a calci entrando in modalità recovery. Non certo la partenza che volevamo con le 530 miglia che ci aspettavano nel duro deserto del Nevada; ma quelle erano le carte che ci sono state date e noi eravamo lì per giocare. Al 15° miglio, abbiamo preso una profonda buca passando di colpo da 37 MPH a zero. Penso di aver visto Tweety bird. Entrambi abbiamo visto le stelle e siamo entrati nella pit 1 per un'ispezione perché sembrava che avessimo lasciato metà del nostro Toyota nella buca. Il nostro gps non ha funzionato fino alla Pit 3. A partire dal miglio 100 e dal primo rifornimento di carburante, abbiamo trovato il nostro giusto ritmo. Ma.. appena dopo abbiamo iniziato ad avere nuovi problemi. Abbiamo perso tensione e di nuovo la modalità emergenza. Alla 2° pit, l’assistenza ha sostituito l’alternatore; ci siamo presi solo alcuni asciugamani bagnati per rinfrescarci, abbiamo mangiato e siamo subito ripartiti. La carneficina di veicoli in panne disseminati lungo tutto il percorso è stata incredibile! Poi, abbiamo perso un freno posteriore a poche miglia dalla pit 10;  Mina, Mike ed Eric hanno risolto il problema in pochi minuti. Grazie Baja Pits per il liquido dei freni. Abbiamo iniziato il tratto sabbioso appena dopo la pit 11 e la temperatura del motore è salita a più di  150° ed è entrato in azione il limitatore del nostro motore. Non avevamo scelta, stavamo mettendo alla prova il motore del Tacoma ma non potevamo fermarci. Siamo riusciti a ripristinare la centralina e per fortuna siamo ripartiti; se non fosse stato così, saremmo rimasti piantati per giorni. Al miglio 380 la stanchezza ha iniziato a farsi sentire. Ho fatto una scelta di percorso sbagliata ed ho fatto esplodere lo pneumatico posteriore sinistro. Dopo altre 10 miglia “boom”, un'altra gomma andata: posteriore lato passeggero. Senza altre ruote di scorta abbiamo tenuto duro per arrivare all’assistenza. Pat e Matt ci hanno dato altre due ruote e siamo di nuovo sul percorso. Ci mancavano ancora 100 miglia di gara, ci fermiamo per l’ultimo rifornimento di carburante e sentiamo che siamo al 5° posto con un avversario a 12 miglia dietro di noi. Abbiamo combattuto duramente per tutto il giorno per il 5° posto e lo abbiamo ottenuto! Il nostro meraviglioso team ci ha tenuti in gioco per tutta questa lunga giornata. Grazie a tutto il team TC per aver supportato egregiamente la nostra avventura e per aver dato il 110%. You all rocked it on race day!!!

 

- Il tuo prossimo progetto?

Il Team TC sarà presente al Rebelle Rally 2018 come media driver. È un evento che sponsorizziamo e che amiamo. Tornerò subito ad allenarmi per il World Vet Nationals al Glen Helen Raceway a cui parteciperò l’uno novembre con la mia moto.

 

- C’è altro che vuoi dirci?

Vorrei davvero ringraziare l'intero team di assistenza per aver lavorato così duramente sia per preparare il truck che nei pit stop; sono stati rapidi ed hanno risolto ogni problema. Matt, Eric, Mike e Pat hanno lavorato duramente per far sì che questa gara si concretizzasse e mi hanno supportato in ogni fase del percorso. Vorrei anche ringraziare Emily per avermi motivato. Ha avuto una grande influenza nel farmi decidere di guidare l'intera distanza tra Las Vegas e Reno in questi ultimi 2 anni.

 

- Ringraziamenti? (sponsor, partner ecc):

Total Chaos Fabrication | CRC | BFGoodrich | Baja Designs | Method Wheels | Rebelle Rally

Tim invece si racconta prima di dirci come ha vissuto questa esperienza:

Tim Schrader (navigatore)
Tim Schrader (navigatore)

- Quando e come hai iniziato a fare il navigatore nelle gare di fuoristrada?

Ho iniziato a fare il navigatore in fuoristrada intorno al 1996, all'età di 14 anni, correndo con mio fratello maggiore a bordo di un buggy cat. 1600.

 

- Quando e come hai iniziato a correre con Nicole?

Ho conosciuto Nic e suo marito Matt circa 20 anni fa. Ci siamo incontrati tutti insieme intorno ad un fuoco da campo alla Baja 1000 grazie gli amici del LocosMocos. Da allora non ho mai corso con lei fino all’anno scorso quando mi ha chiamato per sapere se volevo navigarla alla Mint400. Da subito abbiamo capito che avevamo un buon affiatamento e lavoravamo bene insieme.

 

- Quali sono i tuoi compiti da navigatore?

Controllare il terreno davanti a noi in cerca di pericoli, Seguire la traccia sul GPS, controllare i parametri del motore, comunicare via radio con la pit e tutto quello possa servire per essere d’aiuto a Nicole

.

- Di cosa parli con Nicole durante la gara?

Durante la gara fornisco a Nicole tutti gli aggiornamenti sui parametri del motore, le ricordo, prima di entrare in assistenza, il programma dei lavori al pit-stop (carburante, gomme, ecc.). A volte le ricordo di bere e anche solo che deve respirare. Cerco di rilassarla e di farle mantenere la concentrazione. Le chiedo informazioni su come va il veicolo per aggiornare i meccanici.

 

- Il momento più duro durante la V2R?

Il momento peggiore durante la gara, potrebbe essere stato quando per più di 40 miglia la temperatura del motore è diventata molto alta.  Non potevamo fermarci perché avevamo paura di rimanere bloccati nella sabbia e dovevamo solo sperare nella robustezza del nostro motore Toyota.

 

- Ed il momento più bello?

Il miglior momento per me è stato sicuramente alla pit rawhide. C’era tutto il gruppo Locosmocos pronto per qualsiasi necessità. La fermata non era programmata ma sono riusciti comunque a trasmetterci tutta la loro forza ed energia. Il solo fatto di sapere che erano li, è stata una bella sensazione!

 

- Alcune parole per descrivere Nicole?

Lei è mia amica da 2 decenni. E’ stato a dir poco un fantastico rapporto per tutto questo tempo. E’ parte della mia famiglia. Nicole e mia moglie Courtney e con le nostre due figlie, Eleece e Kendall, hanno un ottimo rapporto. Per le ragazze è la "Zia pazza Nicole" ma anche un mentore. Kendall ha scritto a scuola un tema su Nic e sul successo della Total Chaos Fab. Voto: A +! Courtney e Nicole spesso si scrivono e restano in contatto durante tutto l’anno. In estate cerchiamo di organizzare le vacanze insieme per andare a pescare o andare in barca, insomma per stare insieme anche al di fuori delle gare di fuoristrada. Chiamiamo Nicole la Regina del Caos!!!

 

- Quale è il tuo resoconto della gara?

Quando il telefono squilla e dall’altra parte ti chiedono se vuoi correre con la Regina del Caos, non puoi fare altro che preparare la valigia e partire. L’allenamento e la preparazione per la Vegas to Reno sono iniziate mesi fa per presentarsi allo start con equipaggio ed un truck in perfette condizioni. Matt ed il suo team hanno controllato più e più volte il Tacoma per essere sicuri che tutto fosse apposto. Tutto ciò che hanno fatto si è rivelato perfetto per le 530 miglia nel deserto del Nevada. Nicole ed io abbiamo percorso centinaia di chilometri in mountain bike, cercando di allenare i nostri corpi agli sforzi fisici della corsa. Un volo ci ha poi portati a So Cal per un lungo fine settimana di test nel deserto con temperature che superavano i 42 gradi. Nicole ha fatto una bella gara. Il motore di serie del Toyota è stato sottoposto a sforzi immani per i quali sicuramente non è stato progettato. Ma ha tenuto duro e non ci ha mai mollato. Sono sicuro che abbiamo 100-150 cavalli in meno rispetto a qualsiasi altro veicolo della nostra classe, ma questo non ci ha fatto desistere dal continuare a gareggiare per tutto il giorno. Il nostro team di assistenza è stato perfetto! La nostra famiglia LocosMocos era presente in piena forza in una pit remota. Anche se non abbiamo avuto bisogno di fermarci, ci hanno ugualmente trasmesso tutto il loro entusiasmo e sostegno.  Loro erano pronti e preparati per ogni evenienza, ma quello che ci serviva era proprio il loro supporto. Le gare non si vincono o non si finiscono solo grazie ad un buon equipaggio ed un buon veicolo,  il merito è di tutto il team! Persone che usano il loro tempo libero per andare a stare nel caldo deserto del Nevada aspettando pazientemente che arriviamo alla pit per rifornirci di carburante, cibo e bevande. Quest'anno, abbiamo aggiunto un altro pit stop: la pit 15 sul Lago Donner per una giornata di relax, surf, tanto divertimento ed un paio di Margaritas. Grazie a tutti i membri della grande famiglia Total Chaos per averci permesso di raggiungere il nostro traguardo.

Statistiche V2R 

- Distanza: 530 miglia (852,95 km)

- Teams iscritti: 375

- Donne: 25 in 19 teams

- Donne che hanno guidato da sole l’intera distanza: 3 (Nicole Pitell-Vaughan nelle auto, Kristen Matlock negli UTV e Jacqueline Carrizosa in moto)

 

Statistiche Total Chaos 

- Risultato: 5° nella categoria 7200:

- Tempo di gara: 12:33:28

- Persone nella crew di assistenza: 15

- Veicoli di assistenza: 6

Nicole e Tim appena prima dello start
Nicole e Tim appena prima dello start

Caratteristiche tecniche Lil'T

- Toyota Tacoma 2WD del 2005

- Peso: 1791,69 kg

- Passo: 279,40 cm

- Carreggiata: 215,90 cm

- Sospensioni anteriori: indipendenti con triangoli maggiorati e rinforzati by Total Chaos

- Sospensioni posteriori: 4-link by Total Chaos

- Ammortizzatori: per ogni ruota un Coilover da 2.5”, un By-Pass esterno da 3.0” ed un Bump      Stop da 2.0” della Fox

- Motore: Toyota V6 da 4.0 litri con filtro K&N e scarico Doug Thorley

- Cambio automatico: Turbo 400 by Culhane Racing Trasmissions

- Serbatoio: Fuel Safe da 110 litri

- Pneumatici: BF Goodrich Mud Terrain KM2 da 35”

- Cerchi: Method Race Wheels da 15”

- Freni: Wilwood Calipers con impianto CNC Masters

- Luci: Baja Designs

- Sedili: Mastercraft

 

TOTAL CHAOS FABRICATION INC.

159 NORTH MAPLE STREET - UNIT #J 

CORONA, CA 92880

951.737.9682

Web: www.chaosfab.com 

Mail: info@chaosfab.com

Facebook: TotalChaosFabrication

 

Tutte le foto di Total Chaos alla Vegas to Reno