King of Portugal 2018

Non per niente la King of Portugal è chiamata The Ultimate Iberian Race. Dal primo all’ultimo dei suoi 368 chilometri di gara i 62 equipaggi presenti hanno dovuto lottare duramente per arrivare alla fine. Traguardo sognato da molti e non da tutti raggiunto. I portoghesi di Tuff 4x4 sono i vincitori della King of Portugal 2018.

Foto e testo Paolo Baraldi

Il paragone tra la King of Portugal e l’americana King of the Hammers è facile ed inevitabile; tutti quelli che hanno visto o partecipato alla gara portoghese del campionato Ultra4 Europe possono confermarlo.

La King of Portugal, tra tutte le corse Ultra4 nel Vecchio Continente, è sicuramente quella più dura, quella più lunga e quella più bella. Il terreno di Vimioso è perfetto per questo tipo di competizioni! Grazie alle sue veloci piste ed alle sue sezioni di rock crawling veramente impegnative, la KOP si merita l’appellativo di “Ultimate race” e proprio per tutte queste ragioni il paragone tra le due competizioni è così evidente.


Per l’edizione 2018, Jose Rui Santo, organizzatore dell’evento per Ultra4 Europe, ha allungato e migliorato il percorso. I 62 equipaggi presenti al via, giovedì 6 settembre hanno preso parte al prologo di 8 km, venerdì 7 settembre hanno corso lungo un circuito di 35 km da percorrere 6 volte per un totale di 210 km e sabato 8 settembre si sono sfidati su di un tracciato di 25 km da ripetere 5 volte per altri 150 km di gara. Seppure sabato la distanza della corsa è stata inferiore, le leggendarie Dinosaur Eggs hanno reso difficile la vita ai teams ed ai loro veicoli. In totale i partecipanti alla King of Portugal 2018 hanno percorso ben 368 lunghi e duri chilometri e le numerose rotture e problemi tecnici ne sono testimoni.

Purtroppo  quasi tutti i top drivers di Ultra4 Europe (Jim Marsden, Nicolas Montador, Pier Acerni, Axel Burmann e molti altri) si sono dovuti ritirare per problemi meccanici di vario genere. L’unico che sembrava essersi salvato da questa strage è stato l’inglese Rob Butler che dopo aver vinto il prologo, seguito dall’Italiano Acerni, ha dominato tutta la giornata di venerdì aggiudicandosi la prima posizione provvisoria. Sabato, dopo essere partito deciso a prendersi la vittoria della King of Portugal, Butler ha dovuto rinunciare al suo sogno e ritirarsi per un imprevisto problema all’impianto idraulico dello sterzo.

Pier Acerni e Nicola Bondi, ACE Racing
Pier Acerni e Nicola Bondi, ACE Racing

Con tutti i big fuori dai giochi, sono stati gli outsiders a dare spettacolo e ad iniziare la loro battaglia per aggiudicarsi la vittoria finale. Anche per loro non è stato facile raggiungere il traguardo finale ma ci sono riusciti dimostrando tutto il loro valore.

La vittoria nella categoria Ulimited è andata ai portoghesi di Tuff 4x4 (Jorge Araujo e Diogo Barros), seguiti in seconda posizione dai connazionali del team Preparacoes Badinho 4x4 (Pedro Costa and Bruno Silv) ed infine terzi gli spagnoli di Buda Xtreme (Inaki Lanzagorta e Javi Otaegi). E’ d’obbligo segnalare il successo e la vittoria nella categoria Legend del team inglese, marito e moglie, Phoenix (Mark Dean e Vivienne Hodkinson). Nella classe Modified ha vinto Nordhigiene Team mentre nella Stock MD TTeam.

Tuff 4x4 (Jorge Araujo e Diogo Barros), vincitori King of Portugal
Tuff 4x4 (Jorge Araujo e Diogo Barros), vincitori King of Portugal
Buda Xtreme (Inaki Lanzagorta e Javi Otaegi)
Buda Xtreme (Inaki Lanzagorta e Javi Otaegi)
Nordhigiene Team vincitori Modified
Nordhigiene Team vincitori Modified
Preparacoes Badinho 4x4 (Pedro Costa e Bruno Silv)
Preparacoes Badinho 4x4 (Pedro Costa e Bruno Silv)
Team Phoenix (Mark Dean e Vivienne Hodkinson), 1° Legend
Team Phoenix (Mark Dean e Vivienne Hodkinson), 1° Legend
MD TTeam vincitori Stock
MD TTeam vincitori Stock

Con la King of Portugal ormai negli annali del fuoristrada, sarà, ad ottobre, la King of Poland a decretare i campioni 2018 di Ultra4 Europe. Visto come vanno questo tipo di gare è estremamente difficile fare una previsione sul campionato e per questo solo l’ultima gara potrà farci conoscere i migliori di quest’anno. 

 

Per vedere tutte le foto della gara

- Prologo

- Day 1

- Day 2

 

Classifica finale